ChiamaPrenota
Visualizza telefono

Pasqua a Perugia

Home » Pasqua a Perugia
27 - Ago - 2016

Pasqua a Perugia

Cosa è la Pasqua?

La Pasqua per la tradizione cristiana è la celebrazione liturgica più importante, in quanto simboleggia il sacrificio sulla croce fatto da Gesù Cristo per salvare l’umanità. Da cosa deriva la parola Pasqua? Pasqua viene dall’aramaico pasah ed è tradotta con passaggio, alludendo al passaggio sul Mar Rosso fatto da popolo ebraico durante la fuga dall’Egitto. La tradizione cristiana ha dato a questo termine il significato di passaggio del Cristo dalla vita terrena a quella eterna, avvenuto con la sua morte.

 

Quando cade la Pasqua 2018?

 

Vi siete mai chiesti perche il giorno di Pasqua non cada mai nello stesso giorno come altre feste? Una spiegazione c’è: la Pasqua ha sì una data variabile però è sempre la domenica successiva al primo plenilunio dopo l’equinozio di primavera, ossia può essere un giorno compreso tra il 22 marzo e il 25 aprile. Quest’anno cade il 1° di aprile e se cercate delle idee su dove trascorrere le vacanze di Pasqua e Pasquetta perché non scegliere l’Umbria con i suoi innumerevoli borghi e bellezze da visitare con tutta la famiglia?

 

 

Pasqua in Umbria

 

Scegliere di venire in Umbria per Pasqua permette di godere della primavera che inizia a far fiorire le campagne e rende i paesi e le città ancora più belli ed accoglienti.

In Umbria la Pasqua è molto sentita e ogni borgo partecipa attivamente a tutti i festeggiamenti della Settimana Santa attraverso le messe, le processioni e le rappresentazioni viventi della Via Crucis.

Sono tanti gli eventi e le manifestazioni proposti per trascorrere queste giornate di festa all’insegna della tradizione e delle eccellenze gastronomiche…perché Pasqua è anche buon mangiare!

Che cosa fare allora a Pasqua e Pasquetta se si viene in vacanza in Umbria?

 

Cosa fare a Perugia per Pasqua

 

Perugia come ogni borgo dell’Umbria si appresta a vivere la liturgia della Settimana Santa con grande partecipazione, secondo una tradizione che si tramanda di generazione in generazione.

La Domenica delle Palme, momento in cui si ricorda l’entrata di Gesù a Gerusalemme, si benedicono i rami d’ulivo che poi saranno custoditi in casa come protezione e simbolo di pace; c’è poi la messa per la benedizione degli olii crismali, la lavanda dei piedi il Giovedì Santo e le rappresentazioni viventi della Passione di Cristo con la Via Crucis il Venerdì Santo.

 

La Via Crucis

 

 

La rappresentazione della Via Crucis è l’evento più coinvolgente di tutte le celebrazioni pasquali e per realizzare quella che è una vera e propria rappresentazione teatrale vengono coinvolti ogni anno decine e decine di figuranti che, vestiti da penitenti, incappucciati e flagellanti,  sfilano a piedi scalzi con catene alle caviglie, per ricordare l’ascesa di Cristo al Calvario con la Croce e i momenti della Passione.

Molti paesi propongono questi eventi e viverli di sera, con le sole luci delle candele e delle fiaccole, significa non solo assistere ad uno spettacolo coinvolgente ma anche rivivere in prima persona l’esperienza del martirio di Cristo.

Dopo la veglia del Sabato Santo arriva infine la Domenica di Pasqua e ogni casa si riempie di gioia e di speranza e ci si prepara a festeggiare non solo la Resurrezione di Gesù, ma la rinascita della vita stessa, di cui farete parte anche voi.

 

La colazione di Pasqua a Perugia

 

La Domenica di Pasqua per le famiglie perugine inizia con una ghiotta colazione di mezza mattinata fatta coi prodotti della tradizione, semplici ma carichi di valenze simboliche. Come da tradizione si va a  messa e si porta con sé un cesto nel quale si sono preparati i cibi che poi saranno benedetti e si consumeranno con tutta la famiglia una volta tornati a casa. Cosa si mangia nella colazione pasquale? In tavola troverete le immancabili uova sode, simbolo cristiano di rinascita, il capocollo che è il salume molto saporito tipico di Perugia e la Torta di Pasqua, in altre zone dell’Umbria chiamata anche Pizza di Pasqua.

 

 

Che cosa è la Torta di Pasqua?

 

Se pensate che la Torta di Pasqua sia un dolce…sappiate che non è così! E non è nemmeno una pizza anche se qualcuno la chiama così. Cosa è allora?

E’ un impasto salato che si fa con farina, uova, tanto formaggio Pecorino e Parmigiano, strutto e pepe che viene cotto in stampi alti, tipo quelli che si usano per il Panettone. Il risultato sarà infatti una torta alta e bombata dal colore giallo acceso e dall’intenso sapore di formaggio…una delizia che accompagnata ai salumi locali stregherà anche i palati più esigenti di grandi e piccini!

Ogni donna ha la sua personale ricetta e ovviamente è convinta che sia l’unica vera originale…e la più buona! Quello che è certo è che la Torta di Pasqua merita di essere assaggiata almeno una volta nella vita!.

 

 

Vi chiederete se non si mangia nulla di dolce: ma certo che sì, la Ciaramicola, il dolce pasquale per eccellenza di Perugia! Cosa ha di speciale?

 

 

 

La Ciaramicola e la sua storia

 

La Ciaramicola non è un dolce qualunque ma è un piccolo capolavoro con un forte significato simbolico che spiega ogni suo ingrediente.  E’ un ciambellone reso di un bel rosa acceso dal liquore alchermes e decorato con una glassa fatta di meringa bianca cotta in forno e resa allegra da tanti zuccherini colorati. Già a vederla mette allegria e voglia di assaggiarla e i bambini, ma non solo, non potranno resistere. Ma quello che forse non sapete è che la Ciaramicola ha un significato strettamante legato alla storia della città di Perugia. L’impasto ha questo bel colore cremisi a contrasto col bianco della glassa perché ricorda lo stemma di Perugia, col Grifo argenteo su fondo rosso. Gli zuccherini colorati invece rappresentano i colori dei 5 Rioni storici della città: il bianco argenteo di Porta sole, il rosso di Porta Sant’Angelo, il blu di Porta Santa Susanna, il verde per Porta Eburnea e il giallo dorato per Porta San Pietro.

La tradizione vuole che un tempo la giovani donne la donassero ai propri promessi sposi per la Pasqua e ancora oggi è il dolce perfetto che si mangia alla fine del ricco pranzo della Domenica  Santa…o magari da portare via per il pranzo al sacco di Paquetta, per la tradizionale gita fuori porta.

 

 

 

La fiera di Pasqua

 

A Perugia il Lunedì dell’Angelo si può visitare la grande Fiera di Pasqua, ch ormai da qualche anno si tiene nel centro storico e è diventato un evento molto apprezzato sia dai perugini che dai numerosi turisti che vengono in Umbria a trascorrere qualche giorno di relax.

Le bancarelle si snodano lungo Corso Vannucci e Piazza Matteotti e offrono prodotti particolari di artigianato, antiquariato e gastronomia da molte regioni d’Italia.

Potrete fare una piacevole passeggiata e anche degli originali acquisti mentre visitate le bellezze della nostra città, gustandovi degli ottimi street food in tutta libertà.

Categories: Eventi
Tags: 

Comments are closed.

Booking Online Miglior prezzo garantito, davvero!